Vai al contenuto

plan B, asap

26 settembre 2018

v1.dDsyNDA5MjU7ajsxNzgyMjsxMjAwOzE2MDA7MjQwMAPur non avendo ancora finito Episodes, ho iniziato la nuova serie con Matt LeBlancMan with a plan (qui la prima stagione), le cui premesse paiono uscite dalla mente di uno sceneggiatore degli anni ’50: causa ritorno al lavoro della moglie, il marito si ritrova a gestire tre figli ed evidentemente nel XXI secolo questo è letto come ‘inconsueto’, ‘ilare’ e ‘spassoso’; i figli, tra l’altro, non paiono creare particolari problemi, visto che passano tutto il tempo davanti al loro iPhone o al massimo hanno le mestruazioni (un maschio che deve parlare di mestruazioni! ‘ilare’!).

La serie si trascina stancamente per una ventina di episodi, con tutti gli stereotipi del genere, solitamente man sviluppati (i nonni razzisti non risultano ad esempio divertenti ma, appunto, razzisti) e l’unico personaggio remotamente salvabile è quello della maestra d’asilo, ma mi pare pochino, e lo dice uno che non ha visto solo la prima stagione di Joey ma anche la seconda

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: