Skip to content

lost in lithuania – 3

7 novembre 2016

E quindi la preside mi accompagna all’ospedale del paesino (“per le cose serie andiamo in un altro ospedale”, mi rassicura – ? – ), il cui Pronto Soccorso è meravigliosamente deserto. Esiste un medico di guardia, tutto contento che io sia italiano perché è da poco stato in vacanza in Sicilia, e vuole sapere esattamente quale sport stessi facendo per ridurmi così le gambe, si interroga sull’opportunità di una profilassi antitetanica, mi medica e benda tipo mummia e mi rimanda a giovedì per un controllo. Tutti gli scambi verbali avvengono, ovviamente, in lituano, quindi può darsi che stessero prendendo accordi per la mia sepoltura rituale, che ne so.

Il giorno dopo ci portano in un posto un filino surreale, chiamato ‘collina delle croci’ che è, essenzialmente, una collina con delle croci:

one-day-tour-lithuanialatvia-hill-of-crosses-rundale-palace-257

Scopriamo dunque che i Lituani sono per lo più cattolici e che questa collina iniziò ad essere coperta di crocifissi già nell’800 sotto la dominazione zarista (quando tra l’altro era vietato usare l’alfabeto latino ed anche una scritta tipo “viva lo czar!” poteva costare il carcere a meno che non fosse in cirillico) per diventare poi simbolo della resistenza all’ateismo di stato, quando i Russi abbattevano tutte le croci una volta al mese (la collina fu rasa al suolo tre volte, tra gli anni ’60-’70) e la gente, di notte, le ripiantava, in ricordo dei propri defunti ed a testimonianza di fede. Nel 1993 (la Lituania fu la prima repubblica sovietica a lasciare l’URSS) ci venne anche GP2:

mtaynhg3njgpap_19970904_010

Finiamo poi a vedere uno spettacolo teatrale ma io resto fuori a tenere stese le gambe e leggere Tolstoj, che mi pare appropriato.

Il giorno dopo lo trascorriamo per lo più in pullman perché, dopo una breve sosta in una fabbrica di caramelle (!), ci portano a Palanga, dove rivedo per la prima volta da decenni il Baltico che ai Lituani non evoca pensieri profondi ma orrendi ricordi di invasioni vichinghe (anche oggi pare ce l’abbiano molto coi Norvegesi):

palangos-tiltas1

(no, non ho percorso a piedi la banchina, perché impegnato in discussioni teologiche con uno studente)

Annunci
4 commenti leave one →
  1. 8 novembre 2016 9:14 AM

    Avevo sentito parlare di questo posto in un articolo.

    Liked by 1 persona

  2. 9 novembre 2016 9:54 AM

    Hai sospettato che il medico del pronto soccorso avesse preso accordi per la tua sepoltura rituale quando ti hanno portato a visitare la collina delle croci? Comunque è vero: fare sport fa male, soprattutto a una certa età.

    Liked by 1 persona

Trackbacks

  1. lost in lithuania – 4 | cheremone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: