Vai al contenuto

una canzone a caso – 527

18 settembre 2019

Michael_Jackson_Smile_Single

Michael JacksonSmile

Smile inizia la sua storia come brano strumentale in Tempi moderni (composto dallo stesso Charlie Chaplin, basandosi su una cosa di Puccini, pare) nel 1936, per acquisire poi un testo negli anni ’50 e diventare un grande successo per Nat King ColeJudy Garland.

L’ha poi rifatta Michael Jackson nel 1995 ed ora la versione di Jimmy Durante è nel trailer del nuovo Joker, risuonando un po’ più creepy dell’originale, diciamo:

Annunci

una canzone a caso – 526

17 settembre 2019

tubeway-army-are-friends-electric-atlantic-5-s.jpg

Tubeway ArmyAre “friends” electric?

Dovessimo scegliere un momento in cui il futuro (rappresentato allora dai Kraftwerk e da pochi altri) divenne ufficialmente mainstream, citerei la performance di Gary NumanTop of the pops, nella primavera del 1979:

E nel 2002 sarebbe diventata Freak like me delle Sugababes:

ecce Salvius!

15 settembre 2019

9780521644686_0_221_0_75Il primo volume del Cambridge Latin Course si chiudeva con l’eruzione del Vesuvio del 79 dC, mentre il secondo si svolge qualche anno dopo, nella Britannia romanizzata, dove incontriamo Gaius Salvius Liberalis (che da fonti letterarie ed epigrafiche sappiamo essere diventato senatore sotto Vespasiano e poi collaboratore di Agricola, sotto TitoDomiziano), sua moglie Rufina ed i suoi schiavi (che tratta con particolare durezza, a differenza ad esempio del dominus di Familia Romana, non poi così severus).

C’è tutto un sub-plot di reges Britannici, ma ad un certo punto arriva in Britannia Quintus Caecilius Clemens (il figlio del Cecilio del book I, sopravvissuto all’eruzione ed ora cresciuto) che racconta delle sue rocambolesche avventure ad Alexandria d’Egitto, con tanto di avvicinamento ai misteri di Iside ed una missione da compiere in Britannia…

Nel frattempo, si introduce quasi tutto l’indicativo, il participio presente, subordinate varie e gran parte del sistema pronominale…

l’esperienza di Versace

14 settembre 2019

812gDW94SpL._SL1200_Qualche mese prima della pubblicazione di The gold experience di Prince, cominciò a circolarne una copia promozionale (pare solo su cassetta!), chiamata The Versace experience – prelude 2 gold rimasta per quasi 25 anni un oggetto da collezionisti ma ora finalmente disponibile in vari formati, assieme al debutto su vinile di altri album di Prince, in attesa della nuova edizione di 1999a conferma dell’impegno degli esecutori testamentari del cantante alla cura filologica del suo sterminato catalogo, edito ed inedito.

The Versace experience è in pratica una versione alternativa dell’album successivo, con cui condivide molti brani ma in versioni differenti (Gold, I hate U, P control, 319 etc. ), che offre nello stesso tempo canzoni che mi paiono inedite.

Il tutto è meritorio, ma ho come l’impressione che non sarà questa la ri-edizione del catalogo di Prince più significativa del 2019…

 

tolleranze

13 settembre 2019

9788861378278_0_0_0_75Per quanto l’Inghilterra sia al momento dominata dalle discussioni sulla Brexit, negli ultimi mesi c’è stata anche un’altra ‘polemica’, riguardo l’inserimento nel curriculum scolastico delle elementari di una educazione all’eguaglianza in riferimento alle tematiche LGBT, cosa che ha incontrato strenua opposizione da parte di altre minoranze, in particolare l’Islam  più conservatore, creando il corto circuito tipico di una società aperta (il paradosso di Popper resta secondo me sempre valido), cosa simile a quanto già avvenuto in Italia per i deliri contro il ‘gender’ (che non esiste) nelle scuole.

Nel curriculum della scuola superiore italiana non è prevista una disciplina specifica che affronti queste tematiche (ed una delle cose che temo di più è il moltiplicarsi di nuove ‘materie’, eventualmente anche condivisibili nei contenuti, come nel caso della debacle sull’Educazione Civica o della – da alcuni auspicata – Disciplina dei diritti umaniparcellizzare la formazione in tante materiette da 1h a settimana vuol dire ridurle a ‘non materie’, percepite come insignificanti dagli studenti, non mi pare difficile capirlo), che finiscono dunque coll’essere affidate alla sensibilità del singolo docente, che non necessariamente ha le competenze per affrontarle, sia che lo voglia fare per scelta sia perché chiamato a ciò dal contesto (come ad esempio il coming out di una studentessa o di uno studente).

Il non recentissimo (2011) Parlare di omosessualità a scuola di Antonella Montano ed Elda Andriola si propone di essere uno strumento per educatori/insegnanti, offrendo un’introduzione alle tematiche LGBT e qualche attività per affrontare il tema in una classe o in generale con un gruppo di adolescenti, con qualche semplificazione di troppo (l’approccio – che mi pare comportamentalista – non mi ha mai convinto molto) ma nell’insieme utile, soprattutto per chi ne sa poco.

schola aestiva – 2

12 settembre 2019

IMG_1288.jpeg

Quest’estate, oltre a fare l’antropologo del mondo antico a Siena, sono andato a Madrid (anzi, Matritum) per partecipare alla settima edizione di Caelum, una settimana residenziale trascorsa a parlare latino (con la sorprendente conseguenza di sognare in latino e di sbagliarsi e parlare latino in aeroporto).

La scuola estiva era organizzata da CulturaClasica (quelli di Malaga) e ha visto più di 150 persone impegnate in lezioni mattutine (divise per livello), seminari, lustrationes (cioè visite alla Biblioteca Nazionale ed al Museo Archeologico) e momenti ludici (tipo provare a vedere se l’esametro si adatta al reggaeton – direi di sì).

A tenere le lezioni – anche qui siamo della parti del ComiCon dei latinisti – erano colleghi dottissimi di mezzo mondo (Spagna, Italia, Olanda, Stati Uniti etc. ) ed anche i discipuli erano di diverse età (c’era anche caeliculum, cioè il corso per bambini) e di diverse provenienze, tutti accomunati dalla voglia di esercitarsi nella lingua e nella lettura negli auctores e, nel caso lo facessero anche per lavoro, dalla voglia di farlo meglio ogni giorno – sono tornato con una valigia è piena di idee, spunti, emozioni e cose.

and you don’t need a visa / you can come and go and still be here

11 settembre 2019

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: