Vai al contenuto

promesse da pipistrello

24 settembre 2017

91RjSZC2mxL._SY445_Fa piacere tornare ogni tanto nel distopico e surreale universo di Gotham (surreale fino ad un certo punto: Mr. Penguin diventa sindaco collo slogan trumpiano Make Gotham Safe Again), giunto alla terza stagione, che, come di consueto, è divisa in due parti.

In Mad city (episodi 1-14) facciamo conoscenza del Cappellaio Matto (direttamente da Alice nel paese delle meraviglie, ovviamente) e dei nefasti effetti del sangue di sua sorella Alice (!), ritroviamo un sempre notevole proto-Joker e seguiamo una tragica storia di amore non corrisposto con personaggi che mai avremmo sospettato; la seconda parte della stagione (Heroes rise) è incentrata sulla Corte dei Gufi che trama nell’ombra per distruggere Gotham, mentre il giovane Bruce Wayne (sostituito da un doppelganger che fa un sacco The vampire diaries) è tipo in Himalaya a fare il piccolo Buddah ed a combattere il lato oscuro della forza.

La stagione è strapiena di topoi e raramente offre dei veri colpi di scena, ma resta apprezzabilissima, anche grazie a scenografie e costumi come sempre curatissimi e tesi a creare un senso di alienazione che fa molto post-moderno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: