Vai al contenuto

now that’s what I call quite good

5 dicembre 2018

61NNhSzcBBLNow That’s What I Call Music è una serie di compilation inglesi (ma con versioni ormai in tutti i mercati discografici) nata nel 1983 e giunta ora al 101esimo (!) volume della serie regolare, avviata in un’epoca in cui le case discografiche con molta difficoltà concedevano la presenza dei loro artisti in dischi altrui (ho vaghi ricordi di cose come la serie di compilation Mixage della Baby Records, in cui spesso apparivano cover di canzoni di cui non avevano i diritti).

In occasione del centesimo volume, Michael Mulligan ha curato un libro (che è più una rivista patinata, direi) che ne ripercorre la storia (The Story of NOW – That’s what I call music in 100 Artists) non, come credevo, dal punto di vista dei compilatori o del mercato, ma essenzialmente presentando 100 artisti e riportandone di ognuno foto, curiosità e statistiche (tipo le 13 presenze di Phil Collins, da NOW 1 a NOW 68 o la prima apparizione di Sam Smith in NOW 84) la cui raccolta sarà stata certamente laboriosa ma gratificante per chi è diventato grande a partire direi da NOW 10 o 11

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: