Vai al contenuto

jesus & mary chain

9 Maggio 2022

Forse meno interessante del libretto su Maria Magdalena, Adriana Valerio ha scritto anche una breve introduzione alla figura di Maria di Nazaret, meno significativa non perché l’autrice non sia ottima divulgatrice, ma perché la figura di Maria gode, comprensibilmente, di sterminata bibliografia.

Una bibliografia sterminata che sembrerebbe poco giustificabile, considerato che le citazioni neotestamentarie su Maria sono pochissime (Paolo non la chiama neanche per nome e sottolinea solo che Cristo è “nato da donna”, idem fa Giovanni e solo Luca, come è noto, la rende protagonista delle prime pagine del suo Vangelo), lacuna colmata dagli apocrifi (in particolare dal Protovangelo di Giacomo e dalla sua ripresa coranica) e dalle polemiche antidonatiste di IV-V secolo (Donato negava la divinità di Gesù, da qui l’insistenza sulla nascita virginale – dal Concilio di Efeso Maria uscirà “madre di Dio“).

Nei secoli successivi (il termine stesso “mariologia” nasce in ambiente gesuita nel XVII secolo) è tutto un discutere di immacolata concezione (Tommaso vs Duns Scoto) e polemiche fra cattolici (santa Brigida arriva a definire Maria “co-redentrice”) e protestanti (Maria è un modello di fides e poco più), fino a letture più intriganti che la vedono spesso richiamata dalla teologia femminista o dalla teologia della Liberazione, cui però l’autrice dedica qui poco spazio, ed è un peccato.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: