Vai al contenuto

Dio è il bene che facciamo / e niente di più

7 agosto 2021

L’anno scorso da qualche parte nell’internets devo aver letto una poesia di Franco Arminio (Lettera ai ribelli che verranno) che mi aveva colpito (disobbedite / alla vita e alla morte, / a voi stessi e agli altri) e che pareva vagamente Whitman.

La poesia viene da Resteranno i canti (Bompiani, 2018), dove ci sono un po’ troppi momenti del D’Annunzio panico (sradicarsi da me stesso / diventare puro fogliame) ma anche versi notevoli sui piccoli paesi svuotatisi a suo tempo per l’emigrazione e rimasti vuoti, perché quasi nessuno è tornato e nessuno di nuovo è arrivato.

Ora nei paesi

si sente il silenzio di chi se n’è andato

e il silenzio di chi non è venuto

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: