Vai al contenuto

la figlia cambiata

27 dicembre 2020

Non capisco bene dove collocare Paesi lontani di Maria Luisa Aguirre D’Amico, che in parte vuole essere autobiografico (la scrittrice è stata, come la Maria del breve romanzo, davvero nipote di Pirandello), in parte più generica riflessione sul sentirsi in sospeso tra due mondi, considerata la sua origine cilena ed il suo ondeggiare fra il sud America e l’Italia, allora in pieno fascismo – una dimensione cronologica cui si allude solo di passaggio, con qualche riferimento alle leggi razziali del ’38 ed all’entrata in guerra dell’Italia.

Letto forse in un momento sbagliato, ha lasciato un senso di insoddisfazione e di incompletezza, forse voluto.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: