Vai al contenuto

still walking

2 dicembre 2020

Tempo di tornare a All that you can’t leave behind, anche se ora gli anni sono 20 e per l’occasione l’album degli U2 è stato ripubblicato in maniera dispendiosa.

Il cofanetto ospita un libro fotografico di Anton Corbijn (splendido come sempre), autore della foto di copertina, in cui i quattro aspettano una coincidenza all’aeroporto Charles De Gaulle, mentre l’orologio legge J 33-3, che è in realtà un riferimento biblico (dovrebbe essere Giobbe 33 3: Il mio cuore dirà sagge parole / e le mie labbra parleranno chiaramente), mi pare di ricordare.

Ci sono poi cinque cd: l’album originale, un disco di lati b/rarità, uno di remix e due dischi dal vivo (dall’Elevation tour dell’anno dopo), a celebrare, giustamente, il loro ultimo grande disco.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: