Vai al contenuto

two things, listed

30 settembre 2020

Due cose spiccano nella settimana stagione di The Blacklist, entrambe alquanto curiose.

La prima è che, causa pandemia, la serie si è fermata poche puntate prima del finale di stagione e l’ultimo episodio è stato realizzato con l’inserto di sequenze a cartoni animati (era successo qualcosa di analogo in Fringe ma lì erano riusciti a darne una giustificazione narrativa); l’altra, ed è davvero strana, è il fatto che dopo sei anni di gente che nasconde la propria identità, di doppi e tripli giochi, di bugiardi seriali e quant’altro, Elizabeth Keen è così stupida che non le viene nessun sospetto sulla nuova vicina di casa tanto gentile, cosa che mi pare davvero la meno credibile di tutto The Blacklist, e ce ne vuole.

One Comment leave one →

Trackbacks

  1. red, not cis? | cheremone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: