Vai al contenuto

the wind is still from Africa

28 agosto 2020

A Creta sono stato solo una volta, in un epico viaggio scolastico, e credo meriti una nuova visita, in particolare dopo aver letto Il mito di Arianna (Einaudi, 2015).

Per quanto attribuito a due autori, Maurizo Bettini ha scritto in realtà solo la prosa introduttiva, mentre tutto il lavoro è di Silvia Romani che prende le cose molto da lontano, partendo dal resoconto degli scavi di Evans ai primi del ‘900, che hanno fatto della civiltà minoica “l’unica grande civiltà creata nel XX secolo”, un po’ come era successo nel secolo precedente, dopo le campagne napoleoniche, per l’Egitto.

Arriva poi a perlustrare il mito ed i miti che ruotano intorno ad Arianna (Dedalo, Teseo, Minosse, Dioniso etc. ) che, come tutti i miti, sono spesso discordanti e confusi (in alcune fonti antiche l’Arianna sedotta ed abbandonata da Teseo e la carnevalesca Arianna trionfante con Dioniso non coincidono) ma che paiono avere frequentemente il tratto comune di tenere la stessa fanciulla in disparte, quasi solo comprimaria nel suo stesso mito, perennemente condannata ad essere abbandonata, che è poi la celebre lettura che ne darà Catullo.

Oltre a diffusa dottrina ed una scrittura che cerca di essere evocativa, il libro offre un buon apparato iconografico ed è molto interessante l’ultimo capitolo (Arianna nel tempo), sulla fortuna del mito nei secoli, dove scopro un omaggio di Warhol a de Chirico:

Italian square with Ariadne (after de Chirico), 1982
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: