Vai al contenuto

other means may succeed, this could not fail

14 marzo 2020

71cp8u4U8XLStar Trek – Picard (capolavoro, eh – spero di sopravvivere alla pandemia solo per arrivare a finire la prima stagione) si apre con il suo protagonista rancoroso ed amareggiato, ormai autocongedatosi in protesta  con la Flotta Stellare (siamo vent’anni dopo Nemesis), in seguito all’abbandono di un piano di evacuazione di massa dello spazio romulano, minacciato dalla trasformazione del suo sole in supernova.

Per quanto la premessa della serie si sveli gradualmente nel corso della stessa, può essere utile The last best hope di Una McCormack, che – pur non essendo ufficialmente ‘canone’ – introduce alcuni personaggi (Raffi, Agnes Jurati, il piccolo Elnor) e ne recupera altri (Bruce Maddox), spiegando l’amarezza ed il rancore di cui sopra e risultando ottimo prequel alla storia.

Come fa Star Trek nei momenti migliori, è poi smaccata allegoria dei tempi in cui si vive, qui in chiaro riferimento alle questioni dei rifugiati, alle squallide manovre dei politici alla ricerca di facile consenso ed alla difficoltà ed importanza di fare il bene, sempre.

Non solo a fine 24esimo secolo, direi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: