Vai al contenuto

goin’ up to the spirits in the sky

2 marzo 2020

8057092340264_0_221_0_75Per quanto i suoi capolavori conclamati (tipo La dolce vita) siano in bianco e nero, Fellini trovò nel colore una nuova tavolozza cui dedicarsi, come attesta il suo primo film con la tecnologia ‘moderna’, Giulietta degli spiriti del 1965.

La storia è quella di un’annoiata signora dell’alta borghesia romana (una straordinaria Giulietta Masina) che scopre pian piano che il marito la sta tradendo con una modella (ma all’epoca si diceva ‘indossatrice’) e nello stesso tempo si perde nel grottesco mondo di sedute spiritiche e visioni oniriche (gli ‘spiriti’ del titolo), ma l’elemento principale del film è proprio il trionfo del colore in tutte le sue declinazioni, dai bianchi ed asettici interni della casa di Giulietta al trionfo camp dove dimora una giovane Sandra Milo, fino al verde di un finale che più aperto non si può…

3 commenti leave one →
  1. 3 marzo 2020 9:23 AM

    Giulietta degli Spiriti: film incantevole e a modo suo visionario

    Piace a 1 persona

Trackbacks

  1. come mastroianni anni fa | cheremone
  2. c’è qualcosa di terribile nella realtà | cheremone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: