Vai al contenuto

I’m not a bitch, I’m Paloma Faith

20 dicembre 2019

5051891129306_0_221_0_75L’autocompiacimento che già trovavo in La grande bellezza torna anche in Youth, il successivo film di Paolo Sorrentino (Medusa, 2015), girato per lo più sulle Alpi svizzere ed in alcuni suggestivi squarci veneziani.

A dominare è sempre una straordinaria fotografia ed un clima decadente in cui Michael Caine interpreta un direttore d’orchestra / compositore in apatia intellettuale (ed ossessionato dalle sue vie urinarie), intorno al quale ruotano le tragicomiche vicende dell’amico regista che certa di costruire un film attorno ad un’attrice dei tempi andati (prezioso cameo di Jane Fonda), un attore inghiottito dal suo personaggio più famoso, il brusco divorzio della figlia ed altri personaggi che paiono passare lì per caso e che dovrebbero farci riflettere sulla giovinezza trascorsa ed il decadimento della vecchiaia ma che danno il meglio di sé come tasselli scomposti di un mosaico non pienamente riuscito:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: