Vai al contenuto

pater infelix, nec iam pater

29 agosto 2019

51Kf95iohdL._SX322_BO1,204,203,200_Lo sviluppo moderno della storia di Dedalo ed Icaro di William J. Simpson si basa ovviamente sui testi classici che raccontano la vicenda, dei quali i più immediatamente accessibili sono le Fabulae di Igino e ed il libro VIII delle Metamorfosi di Ovidio, entrambi alla base del recente Daedalus et Icarus, di Andrew Olimpi.

Il libretto è pensato esplicitamente per la didattica, in quanto ogni capitolo (pars) è diviso in quattro livelli (tiers), in cui la storia è raccontata in latino (con diverse immagini di sostegno, nell’ottica del comprehensible imput) a diversi gradi di difficoltà: il primo è assolutamente elementare, la difficoltà cresce nel secondo e nel terzo livello, mentre il quarto livello presenta direttamente il testo d’autore, in una gradualità che vuole facilitare l’approccio dello studente.

Tale modalità è estremamente interessante, ed ovviamente l’invito implicito per un docente è quello di procedere all’inverso, partendo cioè da un testo d’autore e semplificarlo gradualmente, in modo da accompagnare gli alunni dal semplice al complesso, anziché partire insulsamente da un ‘complesso’ da analizzare poi come un cadavere pronto per l’autopsia…

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: