Vai al contenuto

il libro meglio scritto del secolo nostro

8 agosto 2019

71X2QXogSMLLa prassi scolastica fa sì che delle Operette morali di Leopardi si legga solo qualcosa (di solito il Dialogo della Natura e di un Islandese, il Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere e, se si vuole provare a fare le cose per bene, Tristano e/o Porfirio), perdendo un po’ la visione d’insieme dell’opera, che l’autore stesso non voleva assolutamente fosse ‘antologizzata’ (ma non conosceva la canzone dei Rolling Stones).

Ridere del mondo di Emilio Russo (il Mulino, 2017) si sofferma invece sulla genesi dell’opera nel suo insieme e sui rapporti fra le singole ‘operette’, ricostruendone la gestazione e la struttura (non sempre fissa nelle varie redazioni dell’opera, proprio perché intesa come un corpo unitario), da cui risulta tematicamente centrale la posizione dell’Islandese, mentre è con la prima ‘operetta’ in cui appare un essere umano (Malambruno e Farfarello) che lo spunto satirico viene bruscamente meno e domina una negatività che Leopardi stesso però non vedeva così dominante come vuole la vulgata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: