Vai al contenuto

and not yet

13 dicembre 2018

bd825982dcf57fd6318a5868a159398eE quasi tre anni dopo ci ritroviamo dalle stesse parti, se non peggio ancora.

La seconda stagione di Making a murderer segue gli sviluppi processuali di Steven Brendan, dopo che, in seguito alla prima stagione, la loro storia è diventata più nota e nello stesso tempo più polarizzante fra innocentisti e colpevolisti; al filone dei primi appartiene – già lo dicevamo – la produzione del documentario di Netflix, che vede ora una nuova protagonista in Kathleen Zellner, l’agguerritissima ed algida avvocatessa di Steven che da una parte cerca di ottenere un nuovo processo per il suo assistito e dall’altra svolge indagini parallele che la portano ad avanzare plausibili sospetti su un altro membro della famiglia, Bobby, il fratello maggiore di Brendan, la cui posizione non fu mai presa in seria considerazione dalla polizia locale che avrebbe trovato in Steven un facile bersaglio.

Non mi è chiarissimo come sia legalmente possibile accusare pubblicamente qualcuno di omicidio fuori dalle aule di un tribunale ma il sistema giudiziale statunitense mi sembra così complicato che non mi stupisco più di nulla…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: