Vai al contenuto

we took him for granted

11 dicembre 2018

618UmaT167L._SL1001_Volendo, si potrebbe notare che le pubblicazioni postume di David Bowie stanno diventando un po’ eccessive (senza contare i pregevoli box set che ne ripercorrono la carriera – siamo arrivati al 1988 – , mi pare di avere tre dischi live registrati negli anni ’70, la compilation Legacy, il musical Lazarus, le canzoni di No plan).

Il che sarebbe un problema se il materiale fosse poco significativo, ma succede raramente, e non è il caso di Glastonbury 2000, che ripropone (due cd e dvd) il set che Bowie tenne al celebre festival inglese quasi vent’anni fa.

La scaletta è praticamente quella di un greatest hits (non saprei come altro definire un disco che va da China girlLife on mars, da Heroes ad Absolute beginners, da Under pressureLet’s dance), la band che lo accompagna è talentuosissima e lui è in stato di grazia:

 

 

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: