Vai al contenuto

fratres in armis

3 novembre 2018

51EmB-nWzuL._SX308_BO1,204,203,200_Oltre a PlautoHelmut Oberst curò una riduzione a fumetti anche di una commedia di Terenzio (una prima edizione è degli anni ’70, poi ripubblicata un paio di volte) e la scelta cadde su quella che è certamente la sua opera più nota, gli Adelphoi (che vuol dire ‘fratelli’ in greco, perché tradizionalmente le commedie di Terenzio si citano col titolo greco, #sapevatelo).

La storia è nota (due fratelli educano in maniera contrapposta i propri figli – fratelli fra di loro, perché uno è stato dato in adozione allo zio – , uno in maniera liberal-progressista ed uno con modelli iper-conservatori, finché non salta fuori che quello teoricamente morigerato ha una tresca con una concubina, con tanto di rapimenti e lenoni furibondi) ma il testo originale (decisamente più verboso e meno dinamico di quelli plautini) meno si presta alla resa fumettistica, che di solito richiede maggiore vivacità ed il risultato è un po’ troppo ‘statico’, cosa che riecheggia in realtà le critiche gli antichi stessi facevano a Terenzio

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: