Vai al contenuto

my october symphony

26 luglio 2018

220px-The_Americans_Season_6E’ raro che le serie televisive riescano a mantenere un alto livello di scrittura per tutta la loro durata (uhm… Lost) ed è ancora più raro che il finale non sia un incrocio tra una mezza delusione ed una ciofeca (sempre Lost, direi).

Pregevole eccezione è stato l’intero corso di The Americans (da poco conclusosi con la 6a stagione), iniziato quando l’idea che l’influenza russa nella realtà statunitense non era all’ordine del giorno e finito nel momento storico in cui un ex agente del KGB sta avendo una gigantesca influenza su Europa, USA, Nato etc.

“Ironiche” coincidenza a parte, senza spoilerare niente, la vicenda ha trovato una splendida conclusione, la recitazione di Keri Russell e Matthew Rhys merita ogni riconoscimento possibile (ma direi tutto il cast, compreso l’incompreso Henry) ed è stato un privilegio poterla seguire…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: