Vai al contenuto

“emetto vento, trullo”

13 luglio 2018

roccis-greatest-hits-150x210A suo tempo ero indeciso se celebrare la nuova edizione del Rocci (lo storico vocabolario di greco, opera di un grecista che era pure padre gesuita, apparso per la prima volta nel 1939 e rinnovato nel 2011) o lamentare il fatto che i ggiovani non avrebbero più tradotto dal greco in una lingua inesistente ma indiscutibilmente bella, capace di sintagmi come “mi diporto da protervo”, s. v. strhniavw.

Per i nostalgici, c’è un libretto di Enrico BeccariRocci’s greatest hits, che raccoglie lemmi inconsueti e le loro ancor più inconsuete versioni rocciane – in realtà l’autore ha scelto per lo più parole di uso raro ed attestate per lo più in commedia, che risultavano probabilmente ridicole già in greco (tivzw, “ho sempre in bocca il perché“), mentre il Rocci dà il meglio di sé nel tradurre in quello che praticamente è toscano manzoniano parole di uso comune, come i verbi causativi introdotti sempre da un bellissimo fo (fo partire, fo andare, fo cuocere) o nell’usare parole uscite dall’uso comune (“stropicciamento” per “massaggio”, per dire), con curiosi effetti di straniamento.

A proposito di vocabolari greci, giova notare che il principale concorrente del Rocci, il vocabolario greco-italiano (GI!) di Franco Montanari ha da poco un’edizione anglofona, chiamata – ovviamente, GE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: