Vai al contenuto

Magnani you’ll never be

26 febbraio 2018

8057092340172_0_0_300_75Tappa essenziale nella filmografia pasoliniana, Mamma Roma (Arco Film, 1962) fu il suo primo film (a differenza del precedente Accattone) a non essere direttamente ispirato alla sua produzione narrativa ma ad avere soggetto autonomo (la sceneggiatura fu scritta con Sandro Citti) e racconta i tentativi di riscatto di un’ex prostituta (una superba Anna Magnani) alle prese col figlio da poco tornato a Roma da Guidonia.

Il tutto è, ovviamente, un distillato della poetica di Pasolini (proletariato che si imborghesisce, speculazione edilizia e figure cristologiche), partita da un fatto di cronaca (la morte in carcere di un  ragazzo abbandonato a se stesso) ed arrivata ad essere, a più di cinquant’anni, tanto attuale quanto straniante, come il Violino tzigano che accompagna la scena del ballo tra madre e figlio:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: