Vai al contenuto

not so giant leaps

1 febbraio 2018

51c8iuPhw5LIl primo romanzo della serie Vanguard mi era piaciuto molto, ma il secondo, Summon the Thunder, mi è parso meno riuscito e non tanto perché privo della partecipazione dei personaggi della serie originale di Star Trek, che comunque nel libro precedente avevano un ruolo tutto sommato marginale.

Affidato a due diversi autori (Dayton Ward e Kevin Dilmore) vede i personaggi creati da David Mack muovere i primi passi senza appunto la spalla di Kirk Spock nell’esplorazione del misterioso Taurus Reach, dal quale emerge una nuova minaccia per l’intera Federazione mentre la Starbase 47 comincia ad assumere una propria fisionomia, senza però che succeda granché.

Il coinvolgimento dei Romulani apre però scenari interessanti, che immagino avranno spazio per svilupparsi…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: