Vai al contenuto

the year of the guilty man

5 novembre 2017

B1Tzxz3N3zS._SL1500_La ripubblicazione di Listen without prejudice di George Michael era stata annunciata per la primavera del 2016, poi rinviata perché potesse coincidere colla trasmissione del documentario Freedom, e rinviata ancora dopo la sua improvvisa morte.

Finalmente arrivata, è con tristezza che si ascolta quello che è essenzialmente il suo testamento artistico, un album perfetto dalla prima all’ultima nota (che contiene una cosa sublime come Freedom ’90), ora rimasterizzato ed arricchito da un disco di lati b e rarità (come una splendida versione di Desafinado), nonché da un live del 1997 che, per quanto filologicamente fuori posto (è legato alla promozione dell’album successivo, Older), offre una performance immacolata, tra vecchio (Everything she wants degli Wham!) ed allora nuovo (Fastlove, Star people, The strangest thing).

Da ricordare così:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: