Skip to content

quel terreno alluvionale che è il terreno di tutta la vita

11 luglio 2017

5000000185084_0_0_0_300_80Non ne so abbastanza di letteratura tedesca o di Thomas Mann per capire che posto possa occupare una cosa come Cane e padrone a fianco di capolavori indiscussi come Tristano, Tonio KrogerLa morte a Venezia.

Presentato come “un idillio”, racconta come la famiglia Mann acquisì un nuovo cane (Bauschan) che, fedelissimo al padrone, lo accompagna in lunghe passeggiate (dove, tipo Pascoli, si cimenta in decine di modi diversi di dire ‘albero’) in cui avanza patetici tentativi di cacciare anatre (“il tono di vita delle anatre è… più borghese… di quello dei gabbiani“).

Per il resto, essendo comunque Thomas Mann, è scritto benissimo ma o è una gigantesca allegoria di qualcosa che chiaramente non ho colto o è una delle cose più strane che abbia mai letto…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: