Skip to content

et pour un empire je ne veux me dévêtir

17 gennaio 2017

81irqgmywl-_sl1500_Ho scoperto per caso Tomboy, un film francese di qualche anno fa, che racconta di un’estate spensierata fatta di giochi e prime cotte che ha per protagonista un bambino, Michael, che è nato bimba (col nome di Laure) ma che si identifica come maschietto e che come maschietto cerca di comportarsi (il che vuol dire, in una banlieue curiosamente solare, fare pipì in piedi e sputare quando si gioca a pallone), con la tenerissima complicità della sua sorellina.

La piccola Zoé Héran raggiunge livelli d’interpretazione spettacolari, la regia è delicatissima nel lasciare il tutto sospeso ed ingiudicato, perché prima ancora di capirle, le cose vanno conosciute, senza scrivere gli orrori di, chessò, un Adinolfi qualunque.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: