Skip to content

non le era mai capitato di vedere uno scrittore faccia a faccia

28 settembre 2016

copj170.aspDa piccolo lessi La morte a Venezia (CAPOLAVORO), per cui mi è parso opportuno, da meno piccolo, leggere un altro po’ di Thomas Mann, a partire dai Romanzi brevi, di cui ho per ora letto Tristano.

Ambientato in un sanatorio per tisici (come quasi tutta la narrativa europea a cavallo tra ‘800 e ‘900, va detto), ha per protagonista un esteta decadente, scrittore fallito che si trova lì, dice, “per lo stile” e che esce dal suo letifero torpore all’arrivo di una nuova paziente, che sa suonare i Notturni di Chopin e soprattutto il secondo atto del Tristano wagneriano.

Amore, malattia, morte e Wagner. Praticamente il capolavoro mancato di d’Annunzio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: