Skip to content

I’m not sad, I’m complicated

18 settembre 2016

51Sp55StEhLI miei timori si sono purtroppo avverati e la seconda stagione di Dr. House ha davvero preso una piega da soap opera con l’arrivo, come avvocato dell’ospedale, del vecchio amore del protagonista e prevedibili conseguenze.

Fortunatamente, la cosa pare venire meno a metà stagione e si riprende con quella che mi pare l’ordinaria amministrazione della serie, con in più un certo approfondimento dei personaggi che ruotano intorno al dr. House (ad eccezione di Chase, che essenzialmente sta lì fermo ad essere bello e poco altro).

E la rarità delle malattie diagnosticate attenua la mia ipocrondria, per cui non mi lamento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: