Skip to content

una canzone a caso – 333

15 agosto 2016

4313883792_906f4493e21-297x300

Rod Stewart, Maggie May

Maggie May, che è poi diventata forse la sua canzone più nota, fu all’inizio il lato b del singolo Reasons to believe ma alla radio qualcuno si accorse che Maggie May era decisamente meglio et voilà, la carriera di Rod Stewart prese il volo.

Come praticamente tutte le sue canzoni degli anni ’70, parla di sesso, nello specifico della sua prima volta con una signora un po’ più matura di lui (The morning sun when it’s in your face really shows your age) che gli fa fare tardi a scuola (It’s late September and I really should be back at school) e che praticamente ne abusa (All I needed was a friend to lend a guiding hand / But you turned into a lover):

Anni dopo, la sempre attenta Suzanne Vega gli rispose con una notevole I’ll never be your Maggie May, più arrabbiata di quanto sembrerebbe dalla melodia:

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: