Skip to content

una canzone a caso – 326

14 luglio 2016

robbie039_380_380_s_cy_100_sha

Robbie Williams, No regrets

Avevamo già messo No regrets fra le sue undici migliori canzoni, ma è il caso di ritornarci sopra, perché la canzone è una delle prime ad introdurre un tema topico nella sua produzione (quello della fama, dei suoi inganni e di quanto fossero insopportabili i Take That).

Come è noto, i TT nacquero da un progetto di Nigel Martin-Smith come corrispondente inglese dei New Kids On The Block (ma con la particolarità che gran parte delle canzoni era scritta da uno di loro, Gary Barlow) e debuttarono nel 1991 con una cosa sulla quale ci dovrebbero essere molti rimorsi e rimpianti, Do what U like:

Composti, oltre che da Gary, da due membri inutili (Jason ed Howard) e dal piccolo Mark, fu evidente (almeno a partire da Could it be magic, 1992) che quello destinato a grandi cose fosse Robbie Williams:

Robbie lasciò brutalmente i TT nell’estate del ’95 (sarebbero tornati insieme 15 anni dopo) e sin dall’inizio (Freedom) volle far capire cosa pensasse della sua esperienza nella boyband, con ad esempio una versione di Back for good che solo all’inizio richiama l’originale:

Giunto al secondo album (I’ve been expecting you, 1998) disse tutto quello che aveva dire sull’esperienza in una grandissima canzone, che ospitava tra l’altro la voce di Neil Tennant dei Pet Shop Boys e di Neil Hannon dei Divine Comedy:

I know from the outside
We looked good for each other
Felt things were going wrong
When you didn’t like my mother

I don’t want to hate but that’s
All you’ve left me with
A bitter aftertaste and a fantasy of
How we all could live

e

Remember the photographs (insane)
The ones where we all laugh (so lame)
We were having the time of our lives
Well thank you, it was a real blast

e poi

Everything I wanted to be
Every time I walked away
Everytime you told me to leave
I just wanted to stay
Every time you looked at me and
Everytime you smiled
I felt so vacant, you treat me like a child
I loved the way we used to laugh
I loved the way we used to smile
Often I sit down and think of you
For a while
Then it passes by me and I think of
Someone else instead
I guess the love we once had is
Officially dead
CAPOLAVORO ASSOLUTO

Annunci
One Comment leave one →

Trackbacks

  1. boyband 113 | cheremone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: