Skip to content

si studia meglio quando non si è distratti dalla scuola

22 maggio 2016

copj170.aspOgni tanto i casi editoriali dell’anno non sono solo fan-fiction porno sugli One Direction ma libretti preziosi come le (davvero brevi) Sette brevi lezioni di fisica di Carlo Rovelli, nate come articoli sul supplemento culturale de Il Sole 24 ore e diventate poi, per un’idea dell’Adelphi, tanto un’introduzione accattivante ad una disciplina di cui so poco (da ggiovane avevo però avuto una fascinazione per la meccanica quantistica), quanto una sorta di romanzo d’amore, in cui l’autore, ripercorrendo le tappe fondamentali della fisica novecetesca (la relatività di Einstein, gli esperimenti mentali di Niels Bohr, big bang e buchi neri, fino ad arrivare alle frontiere in cui la fisica si cofronta con l’idea di coscienza) racconta esssenzialmente il suo innamoramento per la materia che ora occupa gran parte della sua vita.

E da spettatori ci ritroviamo coinvolti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: