Skip to content

the game is never over

19 aprile 2016

indexIn un’epoca di serie televisive che si trascinano per anni (Lost) o con decisamente troppe puntate a stagione (The blacklist, 24), con Sherlock ci troviamo invece solo con tre episodi alla volta (per quanto durino una 90ina di minuti ciascuno), realizzati con una cura ed un’attenzione che ha del maniacale, con un continuo gioco di rimandi e di richiami interni che fa venire comunque il mal di testa.

Una tale cura ha la controindicazione che i tempi di realizzazione delle stagioni sono angosciantemente lunghi (tre episodi ogni due anni!), e così, dopo aver rapidamente recuperato il tempo perduto (qui la prima stagione, qui la seconda) ho visto anche la terza e sono già in crisi di astinenza (solo in parte colmata da un episodio speciale uscito a gennaio scorso, The abominable bride, ambientato a fine ‘800 ma con intriganti riferimenti discronici al presente).

Anyway, in The eampty hearse capiamo (più o meno) come Sherlock abbia fatto a non morire a fine seconda stagione e lo troviamo alle prese con una rievocazione storica dell’incendio al parlamento, mentre in The sign of the three deve fare da testimone al matrimonio di Watson – l’episodio migliore è certamente il terzo, His last vow, in cui si gettano le basi di quella che si preannuncia come una grande stagione e che ci aspetta, pare, a gennaio 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: