Skip to content

matrioske

5 luglio 2015

81VIzzZdP8L._SL1500_La prima stagione di The Blacklist aveva i suoi momenti: il sempre bravissimo James Spader, il serial-killer della settimana su cui indagava l’FBI, l’idea che più o meno tutti avessero secondi (e terzi e quarti) fini ed il sub-plot del maritino di Elizabeth Keen che si rivelava meno grazioso di quanto paresse.

Si è da poco conclusa la seconda stagione , in cui James Spader continua ad essere bravissimo ma i serial-killer della settimana diventano implausibili, il maritino diventa naziskin e l’idea del complotto assume una tale sequenza di prefissi meta– (un metacomplotto, che si rivela un metamatacomplotto ma che poi si appura che è un metametametacomplitto e così via ad lib. ) da risultare confondente più che intrigante.

Oltre a questo, il colpo di scena finale, quello che dovrebbe spiegarci finalmente cosa è successo ad Elizabeth da piccola, viene direttamente dall’ultima stagione di Dynasty

Annunci
One Comment leave one →

Trackbacks

  1. redlisted | cheremone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: