Skip to content

travelling, not running

24 giugno 2015

puskinviaggioMentre le persone normali vanno in vacanza tipo a Fregene, Puskin va in vacanza nel Caucaso in mezzo alla guerra russo-tirca del 1829 e visita posti come la Georgia e l’Armenia, lamentandosi di turchi e persiani ed esaltando l’espandersi della civilizzazione russa.

Da questa esperienza nasce l’affascinante Viaggio ad Arzrum, una delle due prose storiche presenti nel Meridiano che ho quasi finito – l’altra è La storia di Pugacev, composta in contemporanea a La figlia del capitano, di cui è in un certo senso l’appendice storiografica.

E curiosamente, un racconto di quasi due secoli fa ci dice anche qualcosa sul presente, come quando, alle pendici dell’Ararat, incontra trecento famiglie di yazidi, che già allora erano erroneamente considerati adoratori di Satana; in realtà, spiega Puskin, per loro “maledire il diavolo è considerato sconveniente ed ignobile, perché egli adesso è infelice, ma col tempo potrebbe essere perdonato, dato che non mi sono limiti alla misericordia di Allah“, il tutto con curiosi echi di Origene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: