Skip to content

triplette

23 giugno 2015

copSe si sopravvive al monumentale testo di Georges Dumezil su La religione romana arcaica, il suo Matrimoni indoeuropei è una passeggiata.

In poche pagine riassume infatti la sua idea di fondo (le tre funzioni, politico-religiosa, militare-guerriera e socio-economica, dell’originale triade divina romana – Giove, Marte e Quirino) applicandola specificatamente ai tre tipi di matrimonio attestati nella Roma arcaica, la confarreatio, lusus e la coemptio, mettendoli a confronto con i modi del matrimonio indiano (sarebbero otto, ma per magia diventano più o meno tre), sviluppando così quelle comparazioni intellettualmente stimolanti che costituiscono l’aspetto più affascinante del suo lavoro.

L’attenta lettura del passo di Livio sul ratto delle Sabine, la successiva guerra e l’inattesa pace imposta dalle donne, rivela come i tre tipi siano in qualche modo presenti nel racconto dell’Ab urbe condita perché, come sempre, Livio dice più di quanto scrive.

Un piccolo libro prezioso, davvero.

Annunci
One Comment leave one →

Trackbacks

  1. de minimis | cheremone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: