Vai al contenuto

let the divinity within you be the master

27 ottobre 2014

birleymarcusGli studi di Anthony R. Birley mostrano un costante interesse per le figure imperiali del II-III secolo, per cui, dopo il bel lavoro dedicato ad Adriano, sono passato alla biografia di Marco Aurelio (al trono dal 161 al 180, ultimo dei cosiddetti “buoni imperatori” d’adozione – Nerva, Traiano, Adriano, Antonino Pio e Marco Aurelio), divenuto princeps una ventina d’anni dopo Adriano e noto per i suoi interessi filosofici, attestati dai sempri affascinanti Pensieri scritti in greco, che lo rendono il più importante rappresentante dell’ultima fase dello stoicismo.

Dal libro risulta chiaramente che Marco Aurelio era interessato ad altro (tipo scrivere lettere al suo maestro Frontone) ma si trova impegnato a figliare con Faustina (a mo’ di ecatombe, i figli – 14! – muoiono più o meno tutti, tranne i migliori: Commodo) ed a combattere nei quattro angoli dell’impero con i primi sentori di quelle che saranno le ‘invasioni barbariche’ dei secoli successivi.

I frequenti richiami bibliografici e l’attenzione al dettaglio rendono il lavoro di Birley non semplicissimo, ma la ricostruzione dell’epoca, dei suoi intrighi (parecchie se ne dicono su Faustina, per dire) e del pensiero di un filosofo diventato imperatore rendono la lettura doverosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: