Vai al contenuto

crucifige! crucifige!

19 agosto 2014

girardviolenzareligioneSe dico sempre che il paganesimo porta ai sacrifici umani, è perché ho letto troppo Girard, a partire per lo meno dal fondamentale La violenza e il sacro, arrivando oggi a Violenza e religione, un libretto miscellaneo che raccoglie un articolo del 2004 (che dà il titolo al tutto e vale da solo il prezzo di copertina) e due conversazioni (del 2000 e del 2006) col teologo Wolfgang Palaver (meno interessanti, tranne che per le osservazioni sull’Islam e l’apparente assenza al suo interno del meccanismo del capro espiatorio).

L’articolo del 2004 è una buona introduzione al pensiero di Girard, costruita come riflessione sui rapporti tra religione e violenza, lungo le coordinate causa/effetto. La violenza, secondo Girard, è insita nell’essere umano e non è quindi effetto della religione ma ne è causa, in quanto la religione cerca di limitare gli effetti di quella che Girard, notoriamente, chiama violenza mimetica, tramite il ricorso al meccanismo mitopoietico del capro espiatorio, sul quale la folla riversa la propria violenza (l’esempio, già freudiano, è Edipo).

Una folla violenta ma effettivamente nel giusto, perché la vittima è effettivamente colpevole (nel caso specifico, di patricidio ed incesto).

Tale meccanismo viene, secondo Girard, ribaltato dalla tradizione veterotestamentaria e soprattutto evangelica, in cui per la prima volta nella Storia è centrale la voce della vittima (è stato notato che in due terzi dei Salmi il cantore è circondato dai suoi nemici), una vittima effettivamente innocente (Gesù ed i profeti) assalita dalla violenza mimetica di una folla effettivamente colpevole (in primis di essere asservita alla violenza mimetica stessa).

La violenza che vorremmo attribuire alla religione è in realtà la nostra violenza, e dobbiamo affrontarla direttamente. Trasformare le religioni in capri espiatori della nostra violenza può, alla fine, avere solo l’effetto opposto (p. 25), conclude.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: