Vai al contenuto

non è voi che rimpiango, anni della mia giovinezza

18 agosto 2014

puskinpoesieGiunto ad una certà età, ho pensato fosse il caso di affrontare la letteratura russa (da piccolo avevo letto solo le Memorie dal sottosuolo di Dostoevskij ed una cosa religiosa di Tolstoy) e caso ha voluto che partissi dal “Petrarca russo” (lo chiamano così alla Mondadori, giuro), Aleksandr Puskin, che deduco essere un romantico essenzialmente dal fatto che sia morto giovane IN UN DUELLO – il che dimostra che il Romanticismo italiano era davvero troppo indietro per raggiungere tali vette.

Anyway, ho letto le Poesie nella traduzione, fra gli altri, di Giovanni Giudici e, oltre a richiami smaccatamente oraziani (ho eretto un monumento non da mano creato… non morirò del tutto) e involontariamente leopardiani (ecco il selvoso colle, sotto il quale / spesso assorto sedevo e contemplavo / il lago, con mestizia ricordando / altre sponde, altre onde… ), ci sono cose così (ho cambiato il voi della traduzione in tu perché mi pareva un perverso francesismo):

Io ti ho amato: e ancora forse l’amore

nell’anima del tutto non ho spento;

ma che esso non sia per te un tormento;

non voglio che alcunché ti dia tristezza.

Io ti ho amato in silenzio, senza speranza,

di timidezza soffrendo, di gelosia;

io ti ho amato davvero, e così teneramente

come Dio ti conceda d’essere amato da un altro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: