Vai al contenuto

martin spartacus king

9 agosto 2014

28915307_500x500_1Le prime due stagioni di Spartacus (Blood and sand ed il prequel), per quanto liberamente ispirate alla vicenda storica, non avevano più di tanto sviato da una certa plausibilità, ovviamente romanzata e ‘pompata’.

La terza (o seconda?) stagione, Vengeance, cade invece nel madornale errore di fare di Spartaco una sorta di abolizionista umanista che, tra un massacro e l’altro, proclama la piena dignità di ogni essere umano (e non c’è niente di più antistorico) e va in giro per la Campania a liberare schiavi non per diventare un sovrano ellenista ma, appunto, perché è giusto.

Superato l’orrore per tale lettura (diffusa, eh), la serie ha i suoi momenti preziosi, come il grandioso ritorno di Lucrezia (inverosimilmente sopravvissuta al “parto cesareo” in cui l’avevamo lasciata), una (implausibile, eh) spiegazione della ragione per cui le truppe di Spartaco si mossero inizialmente verso sud andando così a condannarsi all’isolamento anziché muovere verso Roma o comunque verso nord (l’errore di Annibale), la dimostrazione che gli anfiteatri in legno non sono mai una buona idea, i Germani che parlano antico alto tedesco con Spartaco che si lamenta che non parlino latino e la fantastica battaglia alle pendici del Vesuvio

Liberarsi di un semplice pretore è stata relativamente facile, ma nell’ultima stagione arrivano i pezzi grossi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: