Vai al contenuto

remixed wonder

1 agosto 2014

66214645_300x300_1Per quanto in Italia Patsy Kensit sia essenzialmente ricordata per la vicenda della spallina (se ne parlava qua e qua), l’opus degli Eighth Wonder è molto più magnum di quanto ricordassi.

La Cherry Pop (una piccola casa discografica che pubblica tra le altre cose dischi introvabili degli anni ’80) ha già ripubblicato il loro primo (e tragicamente unico) album (Fearless), cui si aggiunge ora The remix anthology, una raccolta di remix (tra cui una rarissima versione di I’m not scared – scritta dai Pet Shop Boys – che non avevo) e di rarità (c’è un lato b, una versione di Use me uscita solo in Giappone, una cosa jazz dal film Absolute beginners, un house mix di Cross my heart) che portano il tempo totale del contributo di Patsy Kensit alla storia della musica a 2 ore e 20 minuti, compreso un loro brano minore degno di sorte migliore, When the phone stops ringing:

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: