Vai al contenuto

l’amore è un costrutto borghese

30 luglio 2014

bellezzalettereA partire da qui si può facilmente tracciare una linea sulla tematica omosessuale nella letteratura italiana del Novecento, accomunata da una morbosa dimensione di cupa disperazione che trova probabilmente in Dario Bellezza (di cui ho letto Lettere da Sodoma, comprato tipo dieci anni fa nella fase “devo leggere tutta la letteratura italiana” – la stessa fase per cui ho letto i romanzi ‘borghesi’ di Verga – ed ora, sembrerebbe, fuori catalogo, nonché fuori moda) il suo principale rappresentante.

Il romanzo (epistolare! come  nel ‘700!) è apparso negli anni ’70 ma è ambientato un decennio prima, in una Roma iperpasoliniana fatta di marchette a Termini e di allucinate figure di tossicodipendenti, pedofili e gattare; la scrittura di Bellezza non è priva di vezzi letterari (allusioni stilnoviste quando meno te le aspetti) e di virate poetiche ma quello che domina è un senso di, ripeto, cupa disperazione, mancanza di riscatto, abnegazione e frustrazione, senza la drammatica lucidità di un Pasolini che era sempre capace di sublimare il tutto. Pare che come poeta fosse meglio.

(altra recensione di un anobiano sta qua)

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: