Vai al contenuto

jason, senza argonauti

15 gennaio 2014

53047656_500x500_1Ci sono un po’ di perplessità sulla nuova serie della BBC, Atlantis, di cui è da poco finita la prima stagione.

Protagonista è un fanciullo dei giorni nostri, Jason, che, alla ricerca del padre, finisce ad Atlantide – non è chiarissimo se è andato indietro nel tempo e si fa finta che l’isola di cui parla Platone sia realmente esistita o se sia in una sorta di universo parallelo o cosa.

Lì diventa amico di un Eracle un filino lontano dall’eroe del mito e di un Pitagora (che è invece ossessionato dai triangoli), si innamora di una Arianna che è figlia di Minosse e di Pasifae (non coinvolta per ora in burlesche zoofilie), che regnerebbero non su Creta ma, appunto, su Atlantide.

Superata prontamente l’aporia per la quale o Jason parla correttamente greco antico o tutti ad Atlantide parlano con un elegante accento british, il nostro non pare molto interessato al padre (“è morto”, gli dicono dopo 10 minuti e la cosa finisce lì) e vive una serie di avventure che richiamano miti classici (c’è un minotauro, una medusa, una Circe etc. ) in cui se la cava sempre brillantemente, fino ad un colpo di scena finale che, sarò tonto, proprio non mi aspettavo.

Non è un capolavoro, e, rivolto ad un pubblico familiare, manca del binomio sesso/violenza che pare essere l’unico modo di coinvolgere le masse nella storia antica, per cui per ora va bene così.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: