Vai al contenuto

sttng3

12 gennaio 2014

905227_300x300_1Come si diceva, è con la terza stagione che Star Trek The Next Generation diventa il classico che rimarrà sempre, anche se la prima puntata (Evolution) è un po’ difficile da prendere sul serio, un po’ per la nuova pettinatura della dottoressa Crusher ma soprattutto perché un personaggio è interpretato dall’attore che farà poi Bob Kelso a Scrubs per cui è dura restare seri.

Superata la cosa, ci sono episodi spettacolari come Who watches the watchers (il titolo è citazione di Giovenale e l’episodio è una serrata critica alla fede in esseri sovrannaturali – tipo il dio Picard), la seduta psicanalitica di The bonding, il ritorno di in Deja Q (persino il titolo è geniale), The offspring (una cosa degna del miglior Asimov), Sins of the father (l’inizio di un sub-plot kilingon che ci accompagnerà per anni), Sarek (capolavoro assoluto), Hollow pursuits (Barclay!) e in generale Romulani come se piovesse per tutta la stagione (ed il narrativamente insospettabile ritorno di Tasha Yar).

Il finale di stagione (la prima parte di The best of both worlds) è il più grande cliff-hanger di sempre. Semplicemente perfetto.

One Comment leave one →

Trackbacks

  1. sttng4 | cheremone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: