Vai al contenuto

touched (not really) for the very first time

5 novembre 2013

52737146_500x500_1Premesso che sono così scandalosamente vecchio da avere la compilation che festeggiava i 21 anni della Virgin, la casa discografica fondata da Richard Branson ha compiuto 40 anni. Per festeggiare la ricorrenza ci sono un sacco di cose, di cui la più abbordabile è una raccolta su tre cd che ripercorre la storia dell’etichetta.

All’appello non manca nessuno: si apre con Tubular bells di Mike Oldfield, si prosegue attraverso gli anni ’70 (Sex Pistols) ed ’80 (Human League, Buffalo gals di Malcolm McLaren – che scopro aver dato parecchie idee ad Eminem – , Heaven 17, Culture Club), si arriva agli anni ’90 (Massive Atttack, Spice Girls), e c’è spazio per cose più recenti (David Guetta, Emeli Sande, i Chvrches)-

La vera chicca è il terzo cd, di solo sei brani, in cui artisti della Virgin di oggi rifanno cose della Virgin di ieri – i Kooks che rifanno Teardrop dei Massive Attack e soprattutto i Bastille alle prese con (I just) died in your arms tonight dei Cutting Crew (!!!) meritano.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: