Vai al contenuto

teenage angst has paid off well

27 settembre 2013

50781931_300x300_1Quando i Nirvana pubblicarono la loro raccolta di rarità, Incesticide, nel 1992, erano diventati, grazie al loro secondo album Nevermind, un gruppo, volenti o nolenti, in qualche modo “di massa”, motivo per cui Kurt Cobain volle essere ben chiaro sul tipo di pubblico cui si rivolgeva (If any of you in any way hate homosexuals, people of different color, or women, please do this one favor for us – leave us the fuck alone! Don’t come to our shows and don’t buy our records), chiedendo esplicitamente ad omofobi, razzisti e sessisti di starsene lontani dai loro concerti e dai loro dischi. Cioè ad un buon 80% del loro pubblico di frat boys.

Questa comprensibile voglia di integrità e di indisponibilità al compromesso divenne evidente nel loro album successivo, In utero, apparso nel 1993 ed ora ripubblicato per il suo ventennale.

Pare che i Nirvana volessero fare un disco essenzialmente inascoltabile (riuscendoci, secondo i maligni) a tal punto che la casa discografica intervenne pesantemente su un paio di canzoni accantonandone l’originale produzione (di Steve Albini) in modo da avere qualcosa passabile per radio (Heart-shaped box ed All apologies, in pratica).

Questa ripubblicazione rende dunque giustizia al disco originale, non solo reintegrando le versioni primitive dei singoli ma anche affidando ad Albini l’intero disco per un mixaggio realizzato a giugno scorso (il 2° cd), a fianco naturalmente dell’album così come lo conoscevamo (il 1° cd, con annessi lati b e bonus tracks, tra cui la tragico/ironica I hate myself and I want to die, che era pure il titolo originariamente previsto per In utero).

Il risultato, oltre ad essere ammirevole per cura filologica, è convincente anche per chi già allora restò positivamente colpito da un disco oggettivamente difficile ma capace di trovate spiazzanti (la strofa iniziale di Serve the servants riassume tutta la fase 1 dei NirvanaTeenage angst has paid off well / Now I’m bored and old) e di brusca violenza (Rape me).

Il canto del cigno, suole dirsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: