Vai al contenuto

mentula multifrenica

23 ottobre 2012

Come accennavo qui, sono in piena fase catulliana, per cui ho ripreso in mano questo lavoro fondamentale che, se tutto va bene, mi dovrebbe aiutare a fare Catullo non limitandosi ai soliti baci di Lesbia (che uno continua a leggere, ma fra le righe) bensì cercando anche altre strade, più dalle parti di Archiloco e di Callimaco, diciamo.

Per l’occasione ho letto un’edizione di Catullo per i ggiovani anglofani (no, non una di quelle ottocentesche che saltavano a piè pari una trentina di carmina, ma The student’s Catullus di Daniel H. Garrison), in cui ci sono testo e commento (nulla di trascendente, ma alcune cose interessanti ci sono) ed il cui pregio principale sono comunque le appendici, fra cui spiccano un vocabolarietto catulliano ed un ragionato indice dei personaggi citati, per orientarsi fra i vari Volusio, Gellio, Giovenzio e simili.

Quare id faciam? Perché il mio lavoro non si esaurisce nelle 18 ore in classe, ecco.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: