Vai al contenuto

fuori tempo massimo, direi

2 giugno 2012

Dovevo sospettare che, essendo uno dei due autori “consulente personale… di artisti di livello internazionale” (Britney Spears? Justin Bieber?), l’approccio del libro non sarebbe stato dei migliori.

E difatti l’impressione che ho avuto leggendo questo Come non farsi bocciare a scuola (di Matteo Rampin, il consulente, e Farida Monduzzi, che “scrive su un quotidiano on line”, credo questo) è un misto di scoramento (gli autori credono che, nel 2012, Justin Timberlake sia percepito come figura significativa dai ggiovani), fastidio (si tratta, in pratica, di un manualetto di psicologia spicciola, da cui si deduce che, chessò, mettersi le dita nel naso non aiuta la buona percezione che gli altri hanno di noi) e tristezza (scritto per i ggiovani, il libro sembra trattarli come deficienti, e fossi ggiovane lo troverei accondiscendente, paternalistico e pure offensivo, ma magari sbaglio).

L’operazione mi pare pure intellettualmente disonesta, perché se un fanciullo è capace di leggersi 160 pagine di “come non farsi bocciare”, probabilmente è già abbastanza orientato a non farsi bocciare, no?

Un’altra, ottima, recensione sta qua, dove si nota anche che la scuola forse non dovrebbe essere un campo di battaglia in cui sopravvivere ma altro, no?

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: