Vai al contenuto

between the cheats

6 febbraio 2012

Sempre pensato, a torto evidentemente, che la struttura annalistica adottata da Tacito impedisse una visione d’insieme di quanto racconta, per quanto fosse meglio del caos svetoniano, eh.

Dei primi sei anni dell’impero del povero Claudio (sul quale resta affascinante il complesso lavoro di Robert Graves) Tacito parlava nei libri degli Annales a noi non giunti, per cui Annales XI comincia bruscamente con Messalina impegnata (capp. 1-4) a liberarsi della rivale Poppea Sabina e nello stesso tempo ad accaparrarsi i giardini luculliani, togliendo di mezzo il loro legittimo proprietario, Valerio Asiatico, accusando entrambi (ipsa dixit!) di adulterio.

Il bel commento di Arturo De  Vivo nota che Valerio viene “processato” nella stanza da letto di Claudio (il cubiculum), e non a caso, visto che per una ancora più sfacciata faccenda di letto il libro si chiuderà con la morte di Messalina (che, da brava bigama, mentre Claudio se ne stava ad Ostia, aveva sposato il suo amante, il dicono tutti bellissimo – e un po’ avventato, mi sa – Gaio Silio).

In mezzo, tentativi più o meno riusciti (capp. 8-10 e 16-21) da parte di Claudio di mettere ordine in uno scacchiere internazionale che sta cominciando a scricchiolare, in un trionfo di Armeni, Parti, Germani e nipoti di Arminio (!), e con Tacito che fa di tutto (sine ira et studio, diceva… ) per sminuirli. In questo contesto si colloca il bellissimo discorso (cap. 25) con cui Claudio convince il Senato ad accogliere fra le sue fila i rappresentanti dei Galli Comati, perché Roma è sempre cresciuta facendo dei cittadini dai suoi nemici, con un imperialismo sui generis che tanto avrebbe da raccontare (profuit iniustis te dominante capi, dirà il buon Rutilio).

Ma l’epilogo di Messalina (capp. 26-38), una storia che allo stesso Tacito pare una fabula, è una delle pagine più incredibili di tutta la letteratura latina, di fronta alla quale si resta sempre a bocca aperta, per quanto succede e per come  lo racconta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: