Vai al contenuto

I got soul but I’m not a soldier

15 novembre 2011

Già da piccolo trovavo affascinanti le osservazioni di Bruno Snell sui concetti di anima e corpo nel lessico omerico che secondo me restano brillanti, anche se non tutti sono d’accordo.

Per provare ad andare oltre, ho affrontato la non facile Breve storia dell’anima di Luca Vanzago che resta comprensibile fino agli empiristi inglesi, poi diventa un delirio in cui non ho capito nulla per riprendersi un po’ verso la fine, ma solo perché di Wittgenstein e Chomsky sapevo già qualcosa, sennò mi sarei sparato.

Alla fine mi è rimasta l’impressione che Heidegger debba essere alquanto interessante, per cui penso che prima di morire dovrò affrontare Sein und Zeit, magari non in tedesco, ecco.

3 commenti leave one →
  1. 17 novembre 2011 2:45 PM

    Ma il titolo del post è la frase di una canzone di un gruppo americano vero? O è qualcosa di più “filosofico”?

    "Mi piace"

  2. 17 novembre 2011 2:53 PM

    Giusto, viene da All these things that I’ve done dei Killers… ma è ugualmente “filosofico” ;-)!

    "Mi piace"

  3. 17 novembre 2011 9:07 PM

    Sono d’accordo con te …

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: